Il Calendario Pirelli 1989

Joyce Tenneson in New York

 

1989 Toro - Gilda Meyer-Nichof

Toro - 21 Aprile 20 Maggio

 

1984

1985 1986 1987

1988

Pagina Principale

Gli anni Sessanta Gli anni Settanta

Gli anni Novanta

 

 

Quest'anno è Annie, la moglie dell'art director Martyn Walsh, a suggerire l'idea vincente per il Calendario. In un momento in cui l'astrologia sta diventando sempre più di moda, l'idea di Annie di produrre un Calendario basato sui segni dello Zodiaco invece che sui mesi piace moltissimo a Walsh, pur nella consapevolezza del fatto che i segni zodiacali non hanno quell’esclusività femminile che il Calendario ha sempre rappresentato. L'idea tuttavia ha la dignità e la forza di un mito, e un prevedibile impatto sul pubblico. E nessun fotografo, fino ad oggi, non ha mai pensato di illustrare i segni dello Zodiaco attraverso il corpo umano, meno che mai quello femminile. Walsh, sfogliando l'edizione francese di Vogue, un giorno rimane colpito da una serie di fotografie che rappresentano donne misteriose ed eteree, immagini molto simili a quelle che ha in mente per il Calendario. L'autore delle fotografie è la famosa Joyce Tenneson, che è stata professore di belle arti alla Corcoran, un'Accademia di belle arti di Washington D.C. pur mantenendo intatta la sua passione per la fotografia. E' la seconda volta nella storia del Calendario che è scelta una donna come fotografo. Le foto sono scattate in uno studio di New York e ci sono 12 modelle, ognuna per un mese del Calendario: Lisa Whiting, Nicky Nagel, Dannielle Scott, Brigitte Luzar, Gilda Meyer-Nichof, Kathryn Bishop, Susan Allcorn, Susan Waseen, Rosemarie Griego, Akura Wall, Gretchen Eichholz e Rebecca Glen. Tutto il progetto è realizzato con una Polaroid, strumento che la Tenneson ama moltissimo per la sua capacità di riprodurre con esattezza i toni e le sfumature della pelle. Il risultato finale è una serie di foto delicate, con immagini dai colori pallidi e un'aura di misticismo.

 

1989 Cover

La Copertina

 

1989 Pesci - Dannielle Scott

1989 Ariete - Brigitte Luzar

Pesci - 20 Febbraio 20 Marzo

Ariete - 21 Marzo 20 Aprile

 

1989 Gemelli - Kathryn Bishop

Gemelli - 21 Maggio 21 Giugno

 

Il fatto che The Cal non sia più in discussione e non debba passare accigliatissimi esami alimenta il coraggio di scelte non canoniche, come, per il 1989, quelle di Joyce Tenneson, fotografa di non grandissima fama (il suo biglietto recita "fotografa commerciale"), la seconda donna, dopo Sarah Moon, ad essere chiamata a dare vita alla sequenza dei mesi Pirelli, mesi cadenzati, questa volta, dal tema dei segni zodiacali, interpretati da dodici modelle, una per ciascun segno. L'impronta del battistrada appare qua e là, ma è quasi invisibile, quasi subliminale, il collare di un animale, il fregio sulla base di una statua, una cintura, un'anfora, uno sfondo appena percettibile...

 

1989 Capricorno - Lisa Whiting

1989 Acquario - Nicky Nagel

Capricorno - 22 Dicembre 20 Gennaio

Acquario - 21 Gennaio 19 Febbraio

 

La fotografa

Joyce Tenneson. Le sue opere sono state esposte in innumerevoli musei e gallerie di tutto il mondo e sono comparse su riviste come Taxi, L. A. Style e Vogue edizione francese e italiana. Oltre a perseguire i suoi impegni artistici, Joyce Tenneson tiene conferenze e può vantare una serie di volumi dedicati alle sue migliori fotografie. Di lei si è detto che è una delle più interessanti ritrattiste della figura umana.

 

1989 Vergine - Rosemarie Griego

1989 Bilancia - Akura Wall

Vergine - 24 Agosto 22 settembre

Bilancia - 23 Settembre 22 Ottobre

 

1989 Scorpione - Gretchen Eichholz

1989 Sagittario - Rebecca Glen

Scorpione - 23 Ottobre 22 Novembre Sagittario - 23 Novembre 21 Dicembre

 

1989 LEONE - Susan Waseen

1989 Cancro - Susan Allcorn

Leone - 23 Luglio 23 Agosto Cancro - 22 Giugno 22 Luglio

 

Le modelle

Dodici come si è detto, una per ogni segno zodiacale. Sono Susan Allcorn, Kathryn Bishop, Gretchen Eichholz, Rebecca Glen, Rosemarie Griego, Brigitte Luzar, Nicky Nagel, Gilda Meyer-Nichof, Dannielle Scott, Akura Wall, Susan Waseen e Lisa Whiting.