Il Calendario Pirelli 1987

Terence Donovan in Bath

 

Cover 1987 - Waris Dirie

La Copertina

 

Gli altri anni Ottanta

Pagina Principale

1984

Gli anni Sessanta

1985

Gli anni Settanta

1986

 

 

Gli anni Novanta

1988

1989

 

 

 

Anche l'edizione di quest'anno porta il segno del battistrada dei pneumatici, divenuto ormai una costante del Calendario Pirelli degli ultimi anni. Martyn Walsh, l'art director, lancia l'idea di un Calendario tutto fatto di ragazze color cioccolata in una location esotica come il Brasile. Il fotografo scelto, Terence Donovan, ha già lavorato su importanti campagne pubblicitarie sia per prodotti di moda sia per uomini politici. Donovan ritiene che elementi come sole, spiaggia e mare siano ormai troppo usati, e scarta l'idea di lavorare in Brasile, anche se gli piace quella di usare modelle di colore. Non è facile trovare a Londra modelle di colore, e Donovan pensa persino di provare a cercarle per la strada, ma raramente le ragazze che si vedono in giro sono all'altezza della sofisticazione del Calendario. Alla fine sono scelte Ione Brown, Collette Brown, Gillian de Tourville, Waris Dirie e Naomi Campbell, allora solo agli esordi della sua fulminante carriera. L'elemento caratterizzante del Calendario di quest'anno è l'abbinamento di gioielli d'oro con la pelle scura delle modelle. I gioielli sono ispirati a quelli delle donne Kirdi delle montagne Mandara, in Africa. Realizzati da Gerry Summers su disegno di Martyn Walsh, i gioielli hanno naturalmente il motivo del battistrada delle gomme inciso su ogni pezzo. Donovan decide di lavorare in un uno studio a Bath, una location non lontana da Londra. Infatti, vuole un cielo nuvoloso come sfondo, e vorrebbe produrre il Calendario in bianco e nero, che ritiene assai più ricercato del colore. Sfortunatamente la Pirelli non è altrettanto entusiasta della scelta monocromatica. Quest'anno la Pirelli non solo ha superato i suoi problemi finanziari, ma ha conquistato la posizione di leader di mercato, presentando al consumatore una vasta gamma di prodotti specializzati. E il Calendario, che si sta avvicinando al suo venticinquesimo compleanno, è ormai famosissimo in tutto il mondo.

 

Gennaio 1987 - Ioni Brown

Marzo 1987 - Collette Brown

Gennaio

Marzo

 

Luglio 1987 - Waris Dirie

Luglio

 

L'impronta, la traccia del pneumatico sta nei gioielli, nei bracciali, nelle collane, nei diademi, nei cache-sèxe, nelle cavigliere, disegnati da Jerry Summers per il "nero", africano Calendario del 1987, il Calendario che avvia la carriera dell'allora appena sedicenne Naomi Campbell, insieme ad altre quattro veneri di colore, Ione Brown, Collette Brown, Gillian de Turville e Waris Dirie. E' indimenticabile di intensità, di femminilità il settembre di quella carrellata che Terence Donovan, il fotografo dei Beatles ai primi successi, il fotografo del primo, sperimentale Pirelli del 1963, volle realizzare con 30 mila scatti in una camera dell'Hotel The Priory nell'inglese cittadina di Bath: un'Africa di cieli equatoriali nei pannelli disegnati al computer. Martyn Walsh e Donovan avevano fiutato il vento di una non coloniale attenzione al continente africano e alla sua musica, ma ricordavano anche l'esplosione dell'erotismo colored innescata, negli anni venti, dal gonnellino di banane, dai seni aguzzi e dalla brillantinata, cortissima chioma di Joséphine Baker.

 

Dicembre 1987 - Naomi Campbell

Ottobre 1987 - Ioni Brown

Dicembre

Ottobre

 

Febbraio 1987 - Ioni Brown e Waris Dirie

Febbraio

 

Maggio 1987 - Naomi Campbell

Aprile 1987 - Ioni Brown

Maggio

Aprile

 

Giugno 1987 - Ioni Brown

Giugno

 

Settembre 1987 - Waris Dirie

Settembre

 

Agosto 1987 - Ioni Brown

Novembre 1987 - Gillian de Turville

Agosto

Novembre

 

Il fotografo

Terence Donovan. A quindici anni già scattava fotografie da professionista; da allora ha viaggiato in settantadue paesi fornendo servizi fotografici a Vogue, Elle, Marie Claire, Harpers & Queen, Cosmopolitan. Ha realizzato documentari e film; ha lanciato oltre tremila spot pubblicitari e prodotto opere teatrali per la televisione. Appassionato di judo, ha illustrato questo sport in un libro, Fighting Judo, pubblicato nel 1985. L'anno successivo ha lavorato per il Calendario Pirelli del 1987. Fra le mostre delle sue opere si ricorda quella tenuta alla Albermarle Gallery nel 1990.

 

Gioielli

I Gioielli